Community support

Lo sport: una marcia in più per i bambini con la sindrome di Down

Lo sport: una marcia in più per i bambini con la sindrome di Down

I calciatori di Special Olympics

Translation currently unavailable

Lo sport è molto importante per lo sviluppo psicofisico di tutti i bambini in particolare per quelli con disabilità intellettive. Praticare un’attività sportiva è un’occasione utile per divertirsi, socializzare, imparare valori importanti quali amicizia, solidarietà, lealtà, lavoro di squadra, rispetto per gli altri.

Per i bambini con sindrome di Down è di fondamentale importanza per la loro crescita e questo concetto è ormai consolidato anche in Italia, grazie all’impegno di importanti associazioni come i nostri amici Special Olympics.

La sindrome di Down, non comporta solo problemi a livello intellettivo, ma anche a livello motorio: molti ragazzi down, infatti, a causa di alcune disfunzioni ormonali, sviluppano problemi cardiaci, hanno un ridotto tasso di crescita e tendono al sovrappeso. Inoltre, la massa ossea è poco resistente e la muscolatura sviluppa difficilmente un buon livello di potenza: tutto ciò comporta riflessi rallentati, artriti e osteoporosi precoci.

E’ chiaro, quindi, che una sana attività sportiva gestita in modo attento da allenatori preparati può donare molti benefici sotto tutti i punti di vista.

I miglioramenti avuti nei bambini sono stati analisi di alcune ricerche da cui è emerso che dopo solo un anno di attività sportiva si verifica una buona perdita di massa grassa a favore di quella muscolare ed ossea, resistenza e velocità migliorano costantemente, e soprattutto avviene una crescita di autostima, autonomia, forza di volontà e spirito di gruppo.

Lo sport, infatti, è un linguaggio universale che annulla le barriere e crea legami: un grande strumento di integrazione, che si basa sull’accoglienza e sull’accettazione delle capacità di ognuno. Nello sport ci si confronta con gli altri, ma anche con se stesso e con i propri limiti, migliorando il rapporto con il proprio corpo. Lo sport crea occasioni di socializzazione, educa al rispetto alla tolleranza, insegna a seguire regole e a controllare l’aggressività e le emozioni in genere.

E’ importante quindi che i bambini con la sindrome di Down possano praticare uno sport per divertirsi e mettersi alla prova. Noi di Mitsubishi Electric ci crediamo davvero ed è per questo che alcuni anni sosteniamo degli atleti davvero speciali nei loro programmi di allenamento sportivo e in tutte le gare più importanti.